Sala VIII
Primo piano

Sala VIII

GIORGIONE E LA NASCITA DELLA “MANIERA MODERNA” A VENEZIA

In poco più di un decennio di attività Giorgione influenzò profondamente la scuola pittorica veneta, rinnovandola sia nello stile che nei temi trattati. Lo dimostrano due capolavori celebri del pittore, provenienti dalla collezione Vendramin, qui conservati: La Tempesta e La Vecchia. Il linguaggio sperimentale di Giorgione, teso ad abbandonare le convenzioni rappresentative tradizionali e a concentrarsi sulle potenzialità del colore nella resa del dato naturale, ebbe un peso determinante nella formazione di artisti del calibro di Tiziano Vecellio e Sebastiano del Piombo, di cui è possibile ammirare in sala alcune prove giovanili.

Opere esposte in questa sala
Giorgio o Zorzi da Castelfranco detto Giorgione
Giorgio o Zorzi da Castelfranco detto Giorgione
Giorgio o Zorzi da Castelfranco detto Giorgione
Giorgio o Zorzi da Castelfranco detto Giorgione
Sebastiano Luciani detto Sebastiano del Piombo (attribuito)