Sala XXIII
Primo piano

Sala XXIII

 

PAGINA WEB IN AGGIORNAMENTO

DA SABATO 27 LUGLIO 2019 LA SALA XXIII È APERTA CON UN ALLESTIMENTO TEMPORANEO

LO STAFF DEL MUSEO È A DISPOSIZIONE PER QUALUNQUE INFORMAZIONE

La Sala XXIII comprende l’originaria chiesa di S. Maria della Carità, fondata secondo la leggenda nel XII secolo. Sicuramente nel Trecento è già presente un primo edificio servito da monaci agostiniani, ingrandito nel corso del XV secolo sotto il papato del veneziano Eugenio IV. I lavori vengono seguiti da Bartolomeo Bon e dalla sua bottega. A questo periodo risalgono le quindici travi lignee provenienti dal Cadore usate per il tetto. Il fregio dipinto è opera di Ercole del Fiore. La chiesa, ricca di opere d’arte e monumenti funebri, viene completamente manomessa dai lavori effettuati nel 1811 da Giannantonio Selva, con una divisione orizzontale per ricavare le aule sottostanti dell’Accademia di Belle Arti. Solo nella prima metà del Novecento, con i lavori dell’architetto Scolari, la parte superiore è stata riadattata a sala museale. Recentemente rimodernata con pannelli interni, per un più opportuno utilizzo dello spazio centrale dell’aula, la Sala XXIII ospita mostre temporanee ed alcuni tra i capolavori delle Gallerie.

Opere esposte in questa sala
Jacopo Robusti detto Jacopo Tintoretto
Cerchia di Pietro Lombardo
Jacopo Robusti detto Jacopo Tintoretto
Jacopo Robusti detto Jacopo Tintoretto
Scuola Padovana
Jacopo Robusti detto Jacopo Tintoretto
Bonifacio De' Pitati detto Bonifacio Veronese
Jacopo Robusti detto Jacopo Tintoretto
Bonifacio De' Pitati detto Bonifacio Veronese
Niccolò Rondinelli
Jacopo Robusti detto Jacopo Tintoretto
Jacopo Robusti detto Jacopo Tintoretto