Le Gallerie incontrano

Un ospite, studioso ed esperto di una specifica disciplina, e un curatore del museo dialogano sollecitati da un tema, una pubblicazione o un argomento collegato al patrimonio delle Gallerie.

È questa la formula scelta per attivare un colloquio che abbia ad oggetto opere della collezione o attività del museo.​

“Le Gallerie dell’Accademia” stando al direttore Giulio Manieri Elia “aprono con questa iniziativa un nuovo canale di comunicazione e di condivisione con il proprio pubblico, uno scambio scientificamente supportato, il più possibile aperto e informale, per presentare e dibattere su nuovi ambiti di ricerca o condurre la riflessione su temi della realtà, sempre in qualche modo connessi con questa grande istituzione”.

Gallerie dell'Accademia di Venezia
Ore 17, Sala Conferenze al piano terra

Modalità di accesso

L’ingresso è gratuito a partire dalle ore 16.30 fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Per ragioni di sicurezza il numero di ingressi sarà limitato: si accederà alle conferenze per ordine di arrivo.

Le conferenze potranno essere seguite in diretta streaming. I link per partecipare da remoto verranno aggiunti in questa pagina sotto i rispettivi appuntamenti.

Le presentazioni avverranno rispettando le norme di sicurezza in vigore.
Si prega di prendere visione delle nuove modalità di visita al museo

Calendario degli appuntamenti

giovedì 9 dicembre 2021

"Maravegie in la Pitura”. Il Bravo di Tiziano alle Gallerie dell’ Accademia

Roberta Battaglia incontra Rosella Lauber

Fra i più enigmatici dipinti giovanili di Tiziano, il Bravo, conservato a Vienna nel Kunsthistorisches Museum, è eccezionalmente in mostra a Venezia alle Gallerie dell’Accademia. Nel segno del dialogo, anche con lo spettatore, si animerà nel museo una conversazione sull’opera, sulla sua storia collezionistica, sui dibattiti relativi a cronologia, antiche attribuzioni, interpretazioni del criptico soggetto. 

giovedì 16 dicembre 2021

Leonardo Da Vinci e l’invenzione dell’Opera

Valeria Poletto incontra Olivier Lexa

La raccolta grafica delle Gallerie dell’Accademia conserva venticinque disegni autografi di Leonardo da Vinci, tra essi alcune incredibili testimonianze che descrivono eteree fanciulle danzanti e svelano l’attenzione del grande genio toscano per la musica, lo spettacolo, la danza. 

Proprio questo il tema centrale del volume di Olivier Lexa, frutto di quattro anni di ricerca necessari per riunire libretti, annotazioni, schizzi, indicazioni di messa in scena di Leonardo da Vinci. Questi documenti in parte inediti ci mettono di fronte all'evidenza: lo spettacolo lirico consentiva all'artista di ottenere ciò che la pittura e il disegno non riuscivano a raggiungere.

In un'epoca di rinascita della teatralità e del canto delle passioni, il suo genio è quello di riunire in una totalità visiva le varie innovazioni artistiche e filosofiche del Rinascimento.